Reservation Dogs: alienazione e turbe giovanili nella serie prodotta da Taika Waititi

Guardando Reservation Dogs si capisce subito che c’è qualcosa di diverso dal solito. La trama è molto semplice: un gruppo di ragazzi nativi americani passano le loro giornate pianificando una fuga dalla loro isolata riserva verso una grande metropoli ricca di occasioni, opportunità e soprattutto priva di noia.

Ma cosa la rende una serie diversa dal solito? La sua sincerità.

Sì, Reservation Dogs è una serie tanto semplice quanto sincera, un urlo frustrato di ragazzi di periferia che si raccontano facendo niente. Nelle campagne dell’Oklahoma, infatti, non c’è niente da fare, o meglio non c’è niente di interessante da fare e quello che c’è da fare è terribilmente noioso… La noia porta alla frustrazione e la frustrazione porta ogni personaggio ad affrontare la propria vita in un modo profondamente diverso…

 Non a caso il sottotitolo di questa recensione cita il disco più sincero (e bello) del rap italiano. Turbe Giovanili e Reservatioin Dogs sono urlo di stizza della “periferia”, la scintilla che ha acceso Fabri Fibra e che lo ha costretto a emergere da Senigallia è la stessa che mette in moto i protagonisti di questa storia.

I personaggi principali e secondari sono vivi e perfettamente caratterizzati, tutti immersi in quel contesto che è la vita ai margini di una comunità nativo americana. Sono abbastanza sicuro che la sceneggiatura presenti chiari tratti autobiografici e/o di ispirazione reale. La serie, infatti, è il prodotto di un inedito collettivo composto interamente da indigeni americani fatta eccezione per Taika Waititi (indigeno australiano) che co-crea la serie, scrive il primo episodio e poi si leva di torno, lasciando in eredità una linea comica che i successivi autori intersecano con il drammatico stile di vita dei protagonisti.

La scrittura dissacra e riflette sugli stereotipi cuciti addosso all’ “Indiano”, e il cast giovanissimo riesce a trasmettere in modo convincente il pensiero degli autori reggendo sulle proprie spalle l’intera serie. Difatti, nonostante l’ottima scrittura e le ottime interpretazioni, la serie è carente da un punto di vista registico e fotografico, senza andare mai al di sopra dello standard. Una regia di mestiere che non buca mai lo schermo… e forse va bene così, perché in fondo non è necessario. Spettacolarizzare quel tipo di ambiente andrebbe poi contro la percezione che i protagonisti hanno del mondo introno a loro. Si mentirebbe in funzione di una tendenza che ormai invade l’estetica di molte serie televisive, rendendo appetibili anche cose che non dovrebbero esserlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.